martedì 31 agosto 2010

15 Dicembre

Anne Sexton

Eccoci alla sbronza solitaria.
Non c'è la volpe, né meteo in tivvù,
niente uccelli né i dolci Cip e Ciop,
né giochi sul sofà, no Alpitour.
Niente di quanto c'è stato tra noi,
né cielo, né mese -solo ciucca.
La mezzaluna è acida, amara,
triste mentre mi canto il WhiskeyBlues.

10 commenti:

  1. ahhhmbè.
    questa pure mi piace parecchio.

    RispondiElimina
  2. la vera sbronza è solitaria! ;)

    RispondiElimina
  3. cos'è successo il 15 dicembre? o cosa succederà?

    RispondiElimina
  4. simo: contento che ce l'hai fatta..; comunque tanto c'ho la sbornia triste
    andrea: ma che c'hai andrè sti ggiorni? dì tutto a zietto tuo
    petrolio: pure quella? :)

    RispondiElimina
  5. Anche la mia sbornia è sempre triste...a me che piacciono le ciucche allegre! :)

    RispondiElimina
  6. Caro "zio", sto scazzato da morire. passerà. spero.

    RispondiElimina
  7. L'hai disegnata come lei non avrebbe voluto
    essersi vista: una borghese signora americana.
    Me l'ha detto stanotte mentre vagava in una delle mie bolle di fantasmi.
    Ti perdono perché è una dei miei poeti preferiti. Al maschile, sì.
    Un abbraccio, Gary.

    RispondiElimina
  8. lo so ceci ma in quella foto aveva un'espressione meravigliosa, un po' ammorbidita dall'età con un velo di tristezza, forse vinta, ma con maggiore indulgenza verso sè stessi e verso il mondo .. (almeno a me sembra)

    RispondiElimina