martedì 2 marzo 2010

Notturno (My generation)

F. Chopin
Ecco nel disegnare Chopin mi sono stupito incontrando tratti grevi, diciamo anche un po' tamarri, più da rock star che da musicista da camera, del tutto in contrapposizione con la sua musica. A tratti mi sembrava Pete Townshend degli Who o un Iggy Pop. E ho avuto il flash di lui che al termine dell'esibizione di uno dei suoi notturni si alza prende lo sgabello del pianoforte e comincia a sbatterlo contro la tastiera e contro le corde del piaino con gran distorsione di suoni e che abbandona il palco ancora fumante.

17 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Per come lo "sento" io, il grande romantico componeva con passione dolce e travolgente...spinta fino a toccar le corde dell'anima, anche la più tamarra.
    Chapeau! ;)
    ps. lo adoro

    RispondiElimina
  3. Me lo sono figurato alzarsi, stiracchiarsi e grattarsi la fessura delle chiappe... Dici che è plausibile?

    RispondiElimina
  4. Nessuno roccheggia quanto Chopin al chiar di luna!
    Chapeau! Anche da parte mia.

    RispondiElimina
  5. il notturno per piano e violino è molto romantico. A quando Beethoven?

    RispondiElimina
  6. dada: eh mi sa che hai ragione sotto sotto siamo tutti un po' tamarri
    dautre: l'immagine mi ha fatto scompisciare :D
    syl: praticamente un precursore
    andrea: à una richiesta? :)

    RispondiElimina
  7. eccerto. Beethoven è IL genio.

    RispondiElimina
  8. da te mi aspettavo geni più di nicchia

    RispondiElimina
  9. ...ma dai. I geni di nicchia ci sono, certo, ma lui è IL genio.
    Ad esempio un genio che "suona" un genio :http://www.youtube.com/watch?v=4CcgekUhSk4

    RispondiElimina
  10. (qua il genio è aiutato anche dalle mani giganti, però... http://www.youtube.com/watch?v=oA0kXDMKiLg)

    RispondiElimina
  11. E poi, ultimo, così la smetto di imbrattarti il blog, ma con 'ste cose entro in loop, proprio,
    ecco il Nocturne n. 9 del tuo genio, suonato da "Mr BigHands"
    http://www.youtube.com/watch?v=kj3CHx3TDzw

    RispondiElimina
  12. ... ahhh 'mbè, mi sono scordato che c'è pure questo! http://www.youtube.com/watch?v=iUxzpNaBXAU

    in quanto a mani giganti fanno a gara, proprio.

    RispondiElimina
  13. Hai colto i tratti più “duri” di Chopin, quelli che il compositore polacco straripò nelle sue Polonaise, ben più "rockettare" di tutto ciò che scrisse dopo aver conosciuto George Sand.
    O______x

    RispondiElimina
  14. andrea, Yuria, io non so se questo blog è pronto per questo livello culturale .. :D

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. per quanto mi riguarda è più che pronto. e' una delle mie fonti di cultura, eh...

    RispondiElimina