mercoledì 25 aprile 2012

Gymnopédie

Erik Satie
In questi giorni, da autodidatta del pianoforte, sto facendo a cazzotti con questo meraviglioso pezzo di questo signore; bello e semplice, semplice ma non abbastanza per i miei mezzi ancora embrionali

4 commenti:

  1. Semplice… in apparenza!

    Complimenti!

    RispondiElimina
  2. No Marco, aspetta, quello che suona nel video linkato non sono io, magari! io sto ancora lottando con la parte iniziale, non sono neanche ancora a metà del pezzo

    RispondiElimina
  3. io lo adoravo di più prima di suonarlo decine di volte per cercare di riprodurlo :)

    RispondiElimina