lunedì 30 aprile 2012

How gentle

Joyce Carol Oates
How gentle are we rising
easy as eyes in sockets turning
intimate the hardness: jaw
upon jaw, forehead warm
upon forehead
kisses quick as breaths, without volition
Love: I am luminous
careless as love's breathing
fluorescent glowing the fine
warm veins and bones
your weight,
the sky lowered suddenly
I am loved: a message
clanging of a bell in silence
you are quickened with surprise
our horizons surrender to walls
Are we wearing out
our skins' defenses? --
turning to silk, texture of flashy
airy surfaces scant as breaths?
I am loved: the noon slides gently
suddenly upon us
to wake us

4 commenti:

  1. non ho MAI sopportato quelli che scrivono in "straniero", quale sia la lingua...ammetto la mia ignoranza e me ne dolgo, ma oramai alla mia età, difficile che impari bene una nuova lingua. Non tanto comunque da capire cosa diavolo hai scritto nella tua didascalia. Ora io ho già poco tempo per venire qui..e di solito il tuo è il primo blog che apro per vedere se hai aggiunto qualche altro bel disegno o "opera" se preferisci..quindi fa er favore disegna e non rompe le palle co ste scritte indecifrabili per chi come me è curioso e me girano se nn capisco...scusa eh!

    RispondiElimina
  2. e che ne so cosa c'è scritto nella didascalia?! la metto solo perchè mi fa molto intellettuale..
    Comunque stai tranquilla, non ti interrogo, è un blog democratico, chi vuole può anche guardare solo le figure

    RispondiElimina
  3. solo io vado su google traduttore? che poi traduce letteralmente, non interpreta e quindi non si capisce una mazza lo stesso...'sti computer, tzè! :)

    RispondiElimina
  4. eh sì, mi sa che sei l'unica..

    RispondiElimina