sabato 30 ottobre 2010

Un'estate con Lev

Lev Tolstoj
Ho incontrato Anna Karenina su un banco per il bookcrossing a Luglio; non era nelle mie intenzioni leggerlo ma letto il primo capitolo non ho potuto non proseguire. Un'edizione vecchissima, stampata nel mio anno di nascita e che come me dimostrava per intero la sua età. Il libro invece non dimostra affatto i suoi 140 anni, d'altra parte si chiamano classici, infatti è attualissimo, Tolstoj descrive benissimo le mille sfumature che si nascondono nell'animo umano, le pulsioni contrastanti, l'incostanza, le incertezze, le debolezze, tutta quella materia che si frappone tra noi e il prossimo e verso le cose della vita e che raramente riusciamo ad esprimere a parole.

5 commenti:

  1. Cioè...
    L'hai finito adesso?! ;)
    Ma dì un po'... c'è speranza per quella vasca...?
    No perché la foto non era mica un dono d'amore... ;)

    RispondiElimina
  2. ehm. sì, l'ho finito solo adesso, ma nel frattempo ho letto numerose altre cose tipo manoscritti di promettenti scrittrici, e svariati topolini.
    Vasca? quale vasca? ;) ah ecco per cos'era quel nodo al fazzoletto.. abbi fede e quando meno te lo aspetti arriverà

    RispondiElimina
  3. Anna, Anna... letto pochi mesi fa ed entrato in top5.
    Che roba.

    RispondiElimina
  4. calzì: new entry? :)
    teodor: eh?

    RispondiElimina