mercoledì 27 ottobre 2010

Ventisettundici Settobre

Mohammed Atta
Ma quanto mi sto sul cazzo oggi e quanto mi state sul cazzo pure voi, .. dirotterei una Duna e mi schianterei nei vostri tinelli, mi tufferei nei vostri tortellini lasciandovi esangui al suolo in un lago di brodo, apparirei negli specchietti retrovisori delle vostre auto e provocherei una pioggia di napalm sui vostri arbre magique , punterei dritto su quel cazzo di atollo che c'avete sullo sfondo del vostro PC e mi immolerei facendo brillare tutto l'ambaradan con un fungo atomico sotto i vostri occhi mentre voi scarnificandovi per via delle radiazioni pensereste "perchè?". E non c'è un perchè, di certo non il perchè di questo pirla nella foto che pensava di trovarsi poi in paradiso con 99 vergini (e quello me lo chiamereste paradiso?) . Ecco, e se sparirò sarà o perchè rapito dall'antiterrorismo e spedito a Guantanamo o vittima di una fatwa. Fanculo va.

6 commenti:

  1. ammazzami, e di duna strozzami

    RispondiElimina
  2. ... troppo stressato, Gary... ritrai il dalai lama, su...

    RispondiElimina
  3. giornata del casso?? gary ritorna in noi...fa come dice il cobain orsù..

    RispondiElimina
  4. Be', quando uno si arrabbia si arrabbia...
    Capita anche a me ogni tanto e quando mi capita faccio pensieri inconfessabili che hanno il potere di farmi sfogare e contemporaneamente farmi sentire in colpa...
    Almeno tu li confessi

    RispondiElimina
  5. se non la smettete vengo a fare pipì negli angoli dei vostri blog

    RispondiElimina