mercoledì 10 febbraio 2010

A kind of blue

M. Davis

13 commenti:

  1. Miles Davis è il mio psicoterapeuta. L'unico che riesca a sopportarmi, almeno...

    RispondiElimina
  2. io?
    macchè... io sono il classico rompipalle paranoico...

    RispondiElimina
  3. che fai non mi cogli più l'ironia? :D

    RispondiElimina
  4. uh, scusa. cioè 'fanculo. cioè scusa. ho bisogno di riposo...

    RispondiElimina
  5. Lo preferisci liscio o con una punta di jazz?

    RispondiElimina
  6. Mi sa che il dottor Davis ha in cura parecchi paranoici...

    RispondiElimina
  7. mica tra i volti noti ti ci è scappato pure un chet baker per caso? andando indietro, fino ad un punto, non l'ho incontrato...

    RispondiElimina
  8. Le crisi sembrano farti bene...:)

    RispondiElimina
  9. 2elle: liscio, mi piacciono le cose in purezza
    dautre: a me il dottore mette agitazione
    teodor: allora qua no, ho riesumato un chet d'annata che avevo pubblicato in una vita precedente: http://1.bp.blogspot.com/_WNoRXQrjjz8/S3QIxVy1dUI/AAAAAAAAAoc/zoFTnbhDsb0/s1600-h/chetbaker.jpg
    stressa: non posso permettermi una crisi anche nel disegnare se no sclero

    RispondiElimina
  10. Pure il dottor Davis?!
    La sua medicina non esclude un dolore lancinante questo è vero, ma non c'è niente di più godurioso di un dolore inflitto ad arte! Ciao!

    RispondiElimina
  11. dautre: a me mette agitazione persono Sandro Bondi
    Calzino: quello lì la paura manco sapeva cosa fosse

    RispondiElimina